Logo Regione Autonoma della Sardegna
IL SISTEMA AGRICOLO DELLA SARDEGNA
sardegnaagricoltura  ›  innovazione e ricerca  ›  centri di ricerca  ›  laboratorio di analisi chimico-fisiche

Laboratorio di analisi chimico-fisiche

Laboratorio di analisi fisico-chimiche del Dipartimento per la ricerca nelle produzioni vegetali di Agris
Il “Laboratorio chimico del Servizio ricerca studi ambientali, difesa delle colture e qualità delle produzioni”, inizia l’attività analitica negli anni ’60, effettuando principalmente determinazioni analitiche nei campioni di suolo, principalmente per la predisposizione delle carte pedologiche a livello regionale ed aziendale. Successivamente l’attività di supporto analitico condotta dal Laboratorio, ha contribuito a sensibilizzare ulteriori utenti quali i settori tecnici-scientifici, con particolare riguardo alla potenzialità dell’utilizzo delle analisi chimiche, indispensabili per consentire una razionalizzazione delle pratiche di concimazione, informazioni utili circa la qualità dei suoli, lo studio del territorio, la destinazione d’uso, la gestione dei suoli ed in ultimo la caratterizzazione delle produzioni di interesse agrario. Inoltre nel periodo dal 1982 al 2000 il Laboratorio ha attivato un consistente e notevole servizio gratuito di analisi dei terreni, dei substrati di coltivazione e di acque per uso irriguo, esteso a tutto il territorio regionale.

Il Laboratorio vanta inoltre la realizzazione di diversi Progetti di rilievo promossi dal Ministero delle Politiche Agricole, tra i quali:
• il Programma Nazionale di “Miglioramento qualitativo della produzione dell’olio extravergine di oliva”
• il Programma Interregionale “Controllo dei residui di prodotti fitosanitari finalizzato alla razionalizzazione delle tecniche di difesa delle colture”.

La struttura, situata a Cagliari in viale Trieste 111, è dotata delle più sofisticate apparecchiature scientifiche e opera in conformità alle prescrizioni della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 avendo conseguito l’attestazione dall'Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA(*)(accreditamento n. 1038). L'elenco delle prove accreditate e lo stato dell’accreditamento sono disponibili presso il Laboratorio e sul sito ACCREDIA.
La gestione del Laboratorio è affidata al Settore Laboratorio Chimico afferente al Servizio Ricerca Studi Ambientali, Difesa delle Colture e Qualità delle Produzioni.
Il laboratorio partecipa direttamente, con l’esecuzione di prove analitiche, all’attività di ricerca dell’Agenzia e collabora attivamente alla stesura dei protocolli di ricerca.

Oltre alle normali attività di ricerca, tese alla individuazione di nuovi metodi di prova, svolge:
- analisi di acque per uso irriguo, definizione di qualità e potenzialità d’uso;
- analisi di soluzioni nutritive e di substrati di coltivazione in ambiente protetto;
- analisi dei terreni relative allo studio del territorio e la sua destinazione d’uso, per la predisposizione di carte pedologiche, per conoscere la qualità dei suoli per un più razionale utilizzo delle pratiche di concimazione;
- prove per la determinazione di parametri chimico-fisici su matrici vegetali e diagnostica fogliare;
- analisi di oli essenziali di piante tipiche della flora sarda;
Particolare rilievo riveste, da circa un ventennio, l’attività di supporto nel campo della qualità degli alimenti, con riferimento alla determinazione quali-quantitativa dei residui di agrofarmaci su prodotti di origine vegetale, vino, acqua e suoli, che ha portato nel tempo ad una significativa riduzione dei residui di presidi fitosanitari nelle produzioni agricole regionali.
Un'altra importante iniziativa riguarda lo studio delle cinetiche di degradazione di prodotti fitosanitari sulle colture di maggior rilievo per l’economia isolana, ricerca finalizzata alla produzione di “prodotti ortofrutticoli a residuo zero”.

Consulta le pagine
Struttura organizzativa Agris Sardegna - Servizio Ricerca studi ambientali, difesa delle colture e qualità delle produzioni

(*)Significato dell’accreditamento
L’accreditamento costituisce il riconoscimento formale della conformità di un laboratorio di prova alle prescrizioni della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 - Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e taratura, rilasciato da un organismo di accreditamento che opera in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011. L’accreditamento è basato sulla verifica della competenza tecnica del laboratorio ad effettuare specifiche prove o determinati tipi di prova, e sulla valutazione del sistema qualità del laboratorio. L’Ente Italiano di Accreditamento, “ACCREDIA”, è l’Ente competente a concedere o revocare l’accreditamento, a livello nazionale, ai laboratori di prova. L’accreditamento non comporta una diminuzione delle responsabilità derivanti dai contratti stipulati tra il laboratorio di prova ed i suoi clienti e benché sia un indice di competenza tecnica e gestionale del laboratorio di prova, non costituisce una garanzia, rilasciata da ACCREDIA, sulle singole prove eseguite dal laboratorio.

Consulta le pagine
Sito web ACCREDIA - Certificato accreditamento ed elenco prove accreditate

L’accreditamento concesso da ACCREDIA non sostituisce provvedimenti di accreditamento e autorizzazioni richiesti dalle leggi ed emessi dalle competenti Pubbliche Amministrazioni. La definizione di laboratorio di prova comprende le attrezzature ed il personale gestiti nella sede dello stesso od in altra località specificatamente indicata dal laboratorio, nonché i metodi di prova con i quali esso opera, che potranno essere definiti dalla normativa o, in mancanza, da documenti interni. Con una specifica Convenzione ACCREDIA concede al Laboratorio l’accreditamento per le prove che vengono specificatamente indicate nell’offerta di prove alla voce “prova accreditata”. Il Marchio ACCREDIA o il riferimento all’accreditamento non possono essere utilizzati dai Clienti del Laboratorio, il quale informa i propri Clienti di queste limitazioni e ne sorveglia l’applicazione; è ammesso allegare copia del rapporto di prova.

Tra ACCREDIA e il Laboratorio viene stipulata una Convenzione, rinnovata ogni quattro anni,che regolamenta i rapporti tra le parti. I contenuti di tale convenzione possono essere visionati presso il Laboratorio.
Le attività di prova svolte sono soggette a controllo e ad archiviazione e tutta la documentazione attinente le prove svolte (richiesta di prove, rapporto di prova e report strumentali) viene conservata dal Laboratorio e messa eventualmente a disposizione dei clienti per almeno 5 anni.