Logo Regione Autonoma della Sardegna
IL SISTEMA AGRICOLO DELLA SARDEGNA
sardegnaagricoltura  ›  argomenti  ›  prodotti tipici e di qualità  ›  dop e igp  ›  agnello di sardegna igp

Agnello di Sardegna Igp

Ovini al pascolo
L’agnello di Sardegna Igp deve essere nato, allevato e macellato nel territorio della Regione Sardegna e comprende tre tipologie: “da latte”, “leggero” e “da taglio”. L'"Agnello di Sardegna" è allevato in un ambiente del tutto naturale, caratterizzato da ampi spazi esposti a forte insolazione, ai venti ed al clima della Sardegna, che risponde perfettamente alle esigenze tipiche della specie. L'allevamento avviene prevalentemente allo stato brado; solo nel periodo invernale e nel corso della notte gli agnelli possono essere ricoverati in idonee strutture dotate di condizioni adeguate per quanto concerne il ricambio di aria, l'illuminazione, la pavimentazione, gli interventi sanitari e i controlli.

L'Agnello non deve essere soggetto a forzature alimentari, a stress ambientali e/o a sofisticazioni ormonali, devono essere nutriti esclusivamente con latte materno (nel tipo "da latte") e con l'integrazione pascolativa di alimenti naturali ed essenze spontanee peculiari dell'habitat caratteristico dell'isola di Sardegna.

Comprende tre tipologie:

Agnello di Sardegna “da latte” (4.5 – 8,5 Kg)
• peso carcassa a freddo, senza pelle e con testa e corata 4,5/8,5 Kg.;
• colore della carne: rosa chiaro (il rilievo va fatto sui muscoli interni della parete addominale);
• consistenza delle masse muscolari: solida (assenza di sierosità);
• colore del grasso: bianco;
• copertura adiposa: moderatamente coperta la superficie esterna della carcassa; coperti, ma non eccessivamente, i reni;
• consistenza del grasso: solido (il rilievo va fatto sulla massa adiposa che sovrasta l'attacco della coda, ed a temperatura ambiente di 18 – 20° C).

Agnello di Sardegna “leggero” (8,5 - 10 kg)
• peso carcassa a freddo, senza pelle con testa e corata 8,5 /10 Kg;
• colore della carne: rosa chiaro o rosa;
• consistenza delle masse muscolari: solida (assenza di sierosità);
• colore del grasso: bianco;
• copertura adiposa: moderatamente coperta la superficie esterna della carcassa; coperti, ma non eccessivamente, i reni;
• consistenza del grasso: solido (il rilievo va fatto sulla massa adiposa che sovrasta l'attacco della coda, ed a temperatura ambiente di 18 – 20° C).

Agnello di Sardegna “da taglio” (10- 13 Kg)
• peso carcassa a freddo, senza pelle e con testa e corata 10/13 Kg;
• colore della carne: rosa chiaro o rosa;
• consistenza delle masse muscolari: solida (assenza di sierosità);
• colore del grasso: bianco o bianco paglierino;
• copertura adiposa: moderatamente coperta la superficie esterna della carcassa; coperti, ma non eccessivamente, i reni;
• consistenza del grasso: solido (il rilievo va fatto sulla massa adiposa che sovrasta l'attacco della coda, ed a temperatura ambiente di 18 – 20° C).

Deve inoltre rispondere a caratteristiche visive: la carne deve essere bianca, di fine tessitura, compatta ma morbida alla cottura e leggermente infiltrata di grasso con masse muscolari non troppo importanti e giusto equilibrio fra scheletro e muscolatura rispondenti alle tradizionali caratteristiche organolettiche. L’esame organolettico deve evidenziare caratteristiche quali la tenerezza, la succulenza, il delicato aroma e la presenza di odori particolari tipici di una carne giovane e fresca.

Designazione e presentazione
Sulle confezioni delle carcasse intere e/o porzionate contrassegnate con l’I.G.P., o sulle etichette devono essere riportate:
a – gli estremi della I.G.P. “Agnello di Sardegna” ed il logo;
b - la tipologia delle carni;
c – la denominazione del taglio.

All’Indicazione Geografica Protetta è vietata l’aggiunta di qualsiasi qualificazione non espressamente prevista dal disciplinare, compresi gli aggettivi: fine, scelto, selezionato, superiore, genuino. E’ tuttavia consentito l’uso di menzioni geografiche aggiuntive, come nomi storico-geografici, nomi di comuni, tenute, fattorie, e aziende, con riferimento all’allevamento, alla macellazione e al condizionamento del prodotto.

Organismo di tutela
Sito web Con.T.A.S. - Consorzio per la tutela dell'Igp Agnello di Sardegna

Autorità di controllo
Sito web INEQ - Istituto Nord Est Qualità
Sito web MIPAAF - Decreto Ministeriale n. 20428 del 7 novembre 2016

Disciplinare di produzione
Sito web MIPAAF - disciplinari di produzione prodotti DOP e IGP riconosciuti