Logo Regione Autonoma della Sardegna
IL SISTEMA AGRICOLO DELLA SARDEGNA
sardegnaagricoltura  ›  argomenti  ›  politica agricola comunitaria  ›  23milioni di euro su indennità compensativa 2016

23milioni di euro su indennità compensativa 2016

domande di pagamento liquidate
Pagamenti agricoli, Agea firma decreto per 23milioni di euro su indennità compensativa 2016."Si tratta di somme dovute al comparto agricolo sardo che, anche se in ritardo, potranno dare un sostegno importante alle tante aziende che in questa stagione, prima siccitosa e poi interessata da pesanti calamità naturali, devono affrontare il calo del prezzo del latte ovicaprino e dei prodotti agricoli". Lo ha detto il presidente Pigliaru nel commentare la notizia arrivata oggi da Roma.



Sono in arrivo per agricoltori e pastori sardi circa 23 milioni di euro di pagamenti sull'indennità compensativa, per le zone montane e svantaggiate, riguardanti l’annualità 2016. Il via libera è giunto oggi con la firma del decreto n.50 da parte dell’Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura (Agea). Il finanziamento (23.062.474,56 di euro) è destinato a soddisfare 12mila e 406 domande sulle anticipazioni 2016 con una copertura del 85% del totale dovuto. Il risultato di oggi è frutto del lavoro costante portato avanti dagli uffici della presidenza in stretta collaborazione con le strutture dell’assessorato dell'Agricoltura.
"Si tratta di somme dovute al comparto agricolo sardo che, anche se in ritardo, potranno dare un sostegno importante alle tante aziende che in questa stagione, prima siccitosa e poi interessata da pesanti calamità naturali, devono affrontare il calo del prezzo del latte ovicaprino e dei prodotti agricoli". Lo ha detto il presidente Francesco Pigliaru nel commentare la notizia arrivata oggi da Roma. “Rimangono tuttavia diversi pagamenti che Agea deve ancora liberare – ha aggiunto il presidente Pigliaru – e su questo non abbasseremo la guardia nelle interlocuzioni con il Governo e il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali".



07.03.2017