Logo Sardegna Agricoltura


Settore apistico, al via le domande di aiuto
Sono aperti i termini per la presentazione delle domande di aiuto nel settore apistico. La domanda di aiuto deve essere inviata in formato PDF direttamente tramite la propria PEC al Servizio Autorizzazione Pagamenti e Controlli FEAGA/FEAMP dell’Argea Sardegna a partire dal 04.12.2019 e non oltre il 31.12.2019.

Sono aperti i termini per la presentazione delle domande di aiuto nel settore apistico.


Termini e modalità presentazione domanda
La domanda di aiuto, redatta sull’apposito modello allegato al bando, sottoscritta e digitalizzata, deve essere inviata in formato PDF direttamente tramite la propria PEC al Servizio Autorizzazione Pagamenti e Controlli FEAGA/FEAMP dell’Argea Sardegna a partire dal 04.12.2019 e non oltre il 31.12.2019, al seguente indirizzo: argea@pec.agenziaargea.it

Riferimenti normativi
Legge Regionale n. 19 del 24.07.2015, art. 4, comma 3, lettera A e B. Aiuti agli investimenti nel settore apistico. Annualità 2019.

Dotazione finanziaria
Per l’annualità 2019 si stabilisce una dotazione finanziaria € 1.000.000 a valere sui fondi resi disponibili dalla delibera della Giunta Regionale n. 55/29 del 13.11.2018 per il triennio 2018/2020.
Nell'eventualità si verifichino rinunce o economie di spesa da parte dei beneficiari inseriti negli elenchi delle domande ammissibili e finanziabili, è previsto lo scorrimento della graduatoria fino ad esaurimento delle risorse assegnate.
È ammesso un contributo massimo complessivo per azienda pari a € 25.000 per le imprese singole e a € 50.000 per quelle in forma associata.


Beneficiari e requisiti di ammissibilità
Sono ammissibili agli aiuti solamente le PMI attive nel settore della produzione primaria condotte da apicoltori, in forma singola o associata. Accedono ai contributi le PMI in possesso dei seguenti requisiti:
a) in regola con la registrazione presso l’Anagrafe apistica nazionale di cui al Decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali di concerto con il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali del 4 dicembre 2009 recante Disposizioni per l’anagrafe apistica nazionale, con riferimento al censimento degli alveari relativo al periodo 1 novembre - 31 dicembre 2019.
Per le aziende che hanno iniziato l’attività nel corso del 2019 si fa riferimento al censimento registrato in BDA al momento di inizio attività.
b) in possesso di partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese detenuto dalle Camere di Commercio Industria Artigianato Agricoltura (CCIAA) in qualità di imprenditore agricolo;
c) con una dimensione economica aziendale non inferiore a 25 alveari;
d) in regola con le norme igienico-sanitarie previste per i locali di lavorazione dei prodotti dell’alveare (miele, cera, pappa o gelatina reale, propoli, polline), sia per le lavorazioni eseguite in proprio che affidate a terzi;
e) iscritte all’Anagrafe delle aziende agricole.


Esclusi dagli aiuti
- acquisto di alveari, pacchi d'api e api regine;
- acquisto di dotazioni usate;
- investimenti di mera sostituzione;
- imposta sul valore aggiunto (IVA).

Consulta le pagine
Sezione Bandi
Sportelli URP
Bando Apicoltura




Ultimo aggiornamento: 28.11.19

© 2020 Regione Autonoma della Sardegna