Logo Sardegna Agricoltura


Laore Sardegna premiata al concorso “Energie in circolo”
Con il progetto "Satu po imparai" l'Agenzia si è classificata al primo posto “Per aver sapientemente puntato sull'educazione ambientale ed alimentare come stimolo per lo sviluppo di un'agricoltura sostenibile in Sardegna".

Con il progetto "Satu po imparai" l'Agenzia si è classificata al primo posto “Per aver sapientemente puntato sull'educazione ambientale ed alimentare come stimolo per lo sviluppo di un'agricoltura sostenibile in Sardegna".

Si è svolta giovedì 29 ottobre 2015, presso la Mediateca del Mediterraneo (MEM) di Cagliari, la premiazione del progetto “Energie in circolo: un viaggio nell’energia sostenibile in Sardegna”, promosso da Sardegna Ricerche, Assessorato dell’industria, in collaborazione con l’Assessorato della difesa dell’ambiente della Regione Sardegna ed inserito nel progetto Smart City.

Il concorso, la cui finalità è quella di valorizzare le iniziative di sostenibilità ambientale realizzate in Sardegna negli ultimi 5 anni e ancora poco conosciute a livello regionale e nazionale, è articolato in cinque categorie. In particolare, il progetto realizzato da Laore, si inserisce nell'ambito della categoria C – Energie Condivise - partnership pubblico privato, riservata ad attività/progetti caratterizzati da una forte collaborazione fra enti pubblici e imprese del territorio che hanno creato le premesse di sostenibilità e durabilità nel tempo.

Il progetto "Satu Po Imparai"

Nato nel territorio del Medio Campidano il progetto ha la finalità di avvicinare il mondo della scuola a quello rurale, valorizzare il ruolo multifunzionale delle aziende agricole e sviluppare nelle fattorie didattiche attività che trasmettano alle nuove generazioni il rilevante patrimonio di saperi e sapori legati alle produzioni agroalimentari tipiche del territorio, esaltando i temi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Grazie al coinvolgimento delle scuole e delle imprese agricole l’iniziativa intende in particolare contribuire alla formazione di consumatori consapevoli, capaci di riconoscere non solo le qualità organolettiche, salutistiche e nutrizionali dei prodotti agroalimentari tipici del territorio, ma attenti anche agli aspetti culturali, etici, sociali e ambientali e quindi di sostenibilità che accompagnano la loro produzione e tutto il loro ciclo di vita.

Un ruolo di primo piano nel progetto è quello legato alle iniziative che hanno inciso sulla ristorazione scolastica. La costituzione di un tavolo partecipato ha consentito l'organizzazione di servizi di mensa basati su principi etici, salutistici-nutrizionali, sostenibili dal punto di vista ambientale, soprattutto con l’impiego di prodotti alimentari di qualità del territorio, a Km zero e a filiera corta.

Percorsi didattici, rete delle fattorie didattiche e tavolo delle mense scolastiche sono quindi le azioni, tra loro strettamente correlate e interdipendenti, che hanno decretato il successo di un’iniziativa, tuttora in corso, che presenta, nel metodo e nel contenuto, caratteristiche di ripetibilità e riproducibilità.

Il progetto “Satu Po Imparai” è il risultato della collaborazione tra:
Agenzia Laore Sardegna
Provincia del Medio Campidano
Azienda Sanitaria Locale n. 6
Scuole dell’obbligo
Fattorie didattiche
Gestori dei servizi di ristorazione scolastica
Fornitori di prodotti alimentari per le mense
Associazioni di categoria agricole e dei Comuni.

Documenti correlati
Scheda progetto Satu po imparai [file .pdf]
Attestato [file .pdf]

Ultimo aggiornamento: 03.11.15

© 2022 Regione Autonoma della Sardegna